GLI  ORATORI  MARIANI

Gli oratori , sono cominciati a Roma nel 1551 ad opera di

S. Filippo Neri 1515-1595 .

   Oratorio era chiamato il luogo dove Fippo e compagni si radunavano per pregare.

    Lo scopo principale degli oratori e’di educare i bambini e proteggerli dai pericoli fisici e spirituali.

   Dal 1700 al 1900 ci sono stati molti conflitti bellici che hanno distrutto natura,monumenti,persone,e soprattutto la vita spirituale.   

    Tutti questi diabolici eventi , sono accaduti anche in Italia e specialmente a Verona , il primo giugno 1796  dove ,Napoleone di Francia e l’imperatore di Austria si confrontarono in sanguinose battaglie.

   A causa di queste guerre la maggiorparte degli uomini erano arruo

lati come soldati . Percio’le donne dovevano lavorare ed i bambini oziavano nelle strade.

   Per venire incontro a tutte queste emergenze, una dozzina di  nuove congregazioni sorsero a Verona per assistere poveri,malati feriti,prigionieri,carcerati,donne e soprattutto i bambini.

   Gaspare Bertoni ,1777-1853 , fu ordinate sacerdote a solo 23 anni . Anche se era cosi’giovane ,fu scelto come direttore spirituale da quasi tutti i fondatori e fondatrici delle varie congregazioni.

   Il Bertone si dedico’ anima e corpo a questo delicato ministero ma il 20 giugno 1802 il suo parroco lo invito’ a diventare il missionario dei fanciulli per educarli e proteggerli dai vizi e dai pericoli della rivoluzione francese.

    Il 26 aprile 1789 , quando Gaspare  aveva solo 12 anni,entro’ nella Congregazione Mariana e si rimpi di quello spirito  e devozione alla Madonna Immacolata ( anche se allora non era ancora dogma )  che poi lui ha trasmesso ai suoi oratoriani.

   Il Bertoni inizio’il primo oratorio, sotto una povera tettoia e con solo 7 ragazzi che ben presto pero’raggiunsero il numero di 400.

    Alcuni sacerdoti e laici si unirono a D.Gaspare cosi’dopo pochi anni, poterono aprire una scuola,organizzare un banda ed incontri sportivi con i ragazzi di altre citta’.

   Mamme , sacerdoti,vescovo ed autorita’civili erano orgogliosi dell’oratorio che in pochi anni si divulgo’in molte altre citta’.

   Il Bertoni ha trasmesso il suo spirito alla sua congregazione nata il 4 novembre 1816.In tutte le comunita’ stimmatine italiane sorsero gli oratori mariani che dopo pochi anni S.Giovanni Bosco divulghera’ in tutto il mondo.

   Quando i missionari stimmatini giunsero in Thailandia,

il 21 agosto 1952, cominciarono la loro attivita’ in Phuket, Ranong, Trang, seguendo l’esempio del Bertoni cioe’ aprendo chiese, scuole  ed organizzando incontri sportivi per i giovani.

    Ma abbiamo due centri che, possiamo chiamarli oratori mariani sullo stile del Bertoni. Cioe’ Pakom a Trang e Pha Maprao in Phuket. 

   Noi siamo andati nel villaggio di Pakom , nel 1975 in seguito ad una disastrosa inondazione.Dopo l’emergenza abbiamo aperto un centro sociale dove tutti i bambini del villaggio potevano venire per la ricreazione e migliorare la loro povera cultura .

Dopo alcuni anni molti di loro chiesero di farsi cristiani.

   Un cosa simile accadde anche per il villaggio di Pha Maprao.

   Noi siamo andati la’dopo lo tsunami del 26 dicembre 2004.

   Nel villaggio abbiamo aiutato le famiglie povere per molti anni.   

   Poi il 23 agosto 2008 abbiamo aperto la Bertoni House dove i bambini possono venire tutti i giorni per la ricreazione,studio dell’inglese,usare i computers,e divertirsi tutti insieme.

     Gli oratori possono essere chiamati in modi molto diversi,

     ma lo scopo di tutti i vari gruppi e’di radunare i bambini per educarli al rispetto reciproco e diventare adulti responsabili.   

   Proprio per questa attivita’sociale a Pakom il Re della Thailandia ha consegnato a P. Giovanni Ceresatto,allora superiore della comunita’di Trang , uno speciale riconoscimento .

     Ed il 4 marzo 2008 il presidente della repubblica italiana ha conferito a P.Ferdinando  Ronconi il titolo di cavaliere come riconoscimento per l’assistenza sociale durante e dopo lo tsunami e soprattutto per la realizzazione del centro sociale di Pha Maprao.

     Gli oratori, non dovrebbero essere solo luoghi di ricreazione ma soprattutto di formazione umana e spirituale.

   Infatti tra i giovani di S.Gaspare ben 23 divennero sacerdoti e missionari per continuare ad educare tanti altri bambini del mondo.